Morto anche l’ultimo Microgeophagus altispinosa.

Ormai era in acquario da diverso tempo…infatti esattamente ho inserito nel mio acquario in salotto 2 Microgeophagus altispinosa a novembre del 2005.
La cosa che più mi dispiace è di non averne incrociati altri nei negozi, di questi ciclidi nani M. altispinosa, perchè all’epoca il ragazzo che me li ha venduti era convinto fossero un maschio e una femmina…mentre con il tempo si sono rivelate 2 femmine. .-(
Non ne sono certo…però solitamente i maschio dei ciclidi nani hanno i primi raggi della pinna dorsale molto più lunghi, è una caratteristica diffusa e questi 2 pesci non le aveveno…inoltre con il passare dei mesi sono diventati 2 ciccioni, "hanno svaccato", come di dice a Roma. Hanno cioè messo su un ventre pronunciato e devo dire delle dimensioni non proprio da ciclide nano…erano 2 abbacchi con le pinne! 🙂

Uno dei 2 altispinosa è spirato dopo mi sembra 12 o 18 mesi, mentre questo è quindi arrivato alla "veneranda" età di almeno 3,5 anni, diciamo anche 4 contando che non li ho presi piccolissimi, almeno 4 mesi li avevano entrambi.

Comunque una bella esperienza, ho assistito a spettacolari litigate per la definizione di territori e gerarchie, purtroppo non all’accoppiamento. 🙁
Sono pesci meno appariscenti dei cugini ramirezi, ma ASSOLUTAMENTE più resistenti e longevi.

5 Comments

  1. Carissimo sono alla disperata ricerca degli Altispinosa. Ho chiesto in giro nei negozi ma tutti me li sconsigliano.
    Io vado per la mia strada ma volevo sapere quanto diventano grandi questi pesci???
    perchè a me hanno detto che arrivano a superare i 15 cm anche se ho letto che massimosi fermano a 13.
    Cmq io ho un acquario di 50 lt e vorrei mettere 4 Altispinosa, 2 puliscifondo e delle piante, ma qui sembra che nessuno sappia darmi una buona indicazione. Puoi consigliarmi tu?
    ti ringrazio.

    Post a Reply
  2. Ma non diventano tanto grandi…son sempre dei ciclidi nani!
    Però metterne 4 in 50 litri proprio non credo sia una buona idea, in 50 litri puoi tenere giusto una coppia e un paio di pesci alghivori.
    Che intendi per “puliscifondo”? Evita i Corydoras perchè usano lo stesso strato d’acqua e darebbero sicuramente fastidio al momento di una deposizione.
    Metti degli Ancistrus, 2 massimo 3, oppure dei piccoli otocinclus

    Post a Reply
  3. Buon anno,
    in questi giorni di vacanza ho navigato alla ricerca di informazioni sugli acquari e sono capitato anche nel tuo forum (complimenti mi piace). Ho solo pratica con i pesci rossi, ne ho avuti 3 e devo dire longevi il più giovane è morto a 13 anni, il mediano a 16 e il più vecchio a 19. Ho sempre desiderato l’acquario pieno di piante ma con i rossi nemmeno a pensarlo, solo poche e robuste! A 2 anni dalla scomparsa dell’ultimo dei mohirossi mi è venuta l’idea di allestire l’acquarietto dei primi anni un 50x30x30 cm (poi hanno vissuto in un 110x30x30 cm) con piantine piccole e tenere con microrasbore tipo i piccoli acquari ADA. Ovviamente voglio usare un filtro esterno (Askoll pratiko 100?), le luci (plafoniera Hasse a risparmio energia?), le piante (riccia fl., moss, j. fern, praticelli?), tu cosa mi consiglieresti per iniziare?
    Ti ringrazio per l’attenzione
    Francesco

    p.s. mi sono avanzati 2 legni di torbiera che non starebbero male con le piantine verdi!

    Post a Reply
  4. Ciao Francesco, prima di tutto complimenti per la longevità dei tuoi pesci rossi, significa che li tenevi alla grande!!!
    Per il resto direi tutto perfetto, anche i legni, se riesci a farli entrare nel 50 cm, però se vuoi tenere la riccia o oltre piante è sempre consigliabile aggiungere la co2 in qualche modo e prevedere l’utilizzo di una parte di acqua d’osmosi. Puoi iniziare con la co2 fatta in casa, con la fermentazione alcolica e poi quando trovi una buona offerta ti prendi un kit con la bombola ricaricabile.

    Post a Reply

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code