Piante galleggianti in acquario: facili, carine e utili!

contenimento di piante galleggianti (mi sembra Lemna e forse Riccia fluitans)Chi ha già tenuto piante galleggianti in un suo acquario difficilmente ne farà a meno nei successivi allestimenti, o nella seconda o terza vasca che si aggiungerà al primo acquario in casa.
Perchè le piante galleggianti sono particolari, abbastanza facili da trovare in commercio (a parte i siti internet, alcune si trovano anche nei vivai) e utilissime perchè capaci di usare molti nutrienti per il loro metabilismo (fitodepuratori naturali), senza avere la necessità di CO2 diffusa in acqua, infatti la prendono direttamente dall’aria.
Inoltre aiutano a tenere ombreggiate parti dell’acquario in quei casi in cui le specie di pesci che si vogliono riprodurre preferiscano zone poco illuminate e vengono usate da alcune specie (ad esempio gli Anabantidi) come parte integrante del loro nido: uniscono piccole foglie ed altri elemente galleggianti costruende dei nidi sotto i quali accoppiarsi e deporre le uova.

Le più conosciute specie di piante galleggianti per acquario

Molte di queste sono usate volentieri anche nei laghetti, mentre non elenco le specie più grandi, perchè appunto si trovano in commercio ma raramente possono essere usate negli acquari per via delle loro dimensioni.

  1. Lemna Minor (sopra in foto): la più piccola di questa famiglia di piantine… da alcuni acquariofili è odiata perchè in grado di otturare filtri
  2. Riccia fluitans: il nome dice “fluitans” ma poi sono molti gli acquariofili che provano a tenerla ancorata a vari supporti con vari metodi (retina, filo da pesca, elastici e simili), perchè crescendo è in grado di creare densi praticelli che assomigliano molto al “nostrano” muschio usato a natale nel presepe.
  3. Azolla caroliniana: originaria del norda America, ormai è diffusa anche negli altri continenti. Sotto forte illuminazione il verde delle foglie tende al rosa-aragosta. Negli acquari tropicali resiste bene solo quando aperti e se la temperatura è tenuta più vicina ai 22 gradi invece che ai 28. Per le sue origini soffre infatti le alte temperature.
  4. Salvinia natans: foglie piccole, crescita medio-rapida
  5. Pistia stratiotes: grande e molto resistente, le sue foglie assomigliano ad una Rosa aperta… ma pelosa.
    Non è adatta ad acquari chiusi perchè in molti casi arriverebbe a toccare le lampade con la crescita delle singole piantine.
  6. Eichhornia crassipes: il cosiddetto Giacinto d’acqua, è forse la pianta galleggiante più strana perchè costituita da foglie cicciottelle, ma anche fra le più belle, perchè produce fiori lilla belli e colorati
    Eichhornia Crassipes: particolare della sezione spugnosa
Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code