Un paio di foto di Rossano

Un lettore di Acquariando ci manda le sue foto…e noi ne pubblichiamo 2: una prima dell’allestimento e una dopo, recente, con pesci e piante.
E così gli altri lettori possono commentare cosa ne pensano.

 

Secondo me si potrebbe migliorare con pochi e piccoli interventi:

  1. Prima di tutto: cos’è quel pesci in alto a destra, che si vede un po’ mosso??? E’ un piccolo Scalare…vero? Non è un Monodactylus, vero???
    Se fosse un
    Monodactylus riportalo dove l’hai preso, è un pesci d’acqua salmastra!
  2. se l’acquario è visibile solo da un lato lungo, come sembrerebbe, allora sullo sfondo è bello avere un coloro omogeneo, che credi un minimo di profondità. Si usano solitamente cartoncini tutti azzurri o tutti neri attaccati dietro il vetro posteriore, o al limite che sfumano da più chiaro in alto a più scuro in basso (mi sembra l’ADA ne venda di questo tipo…speriamo ne arrivino altri con prezzi più bassi, però!)
  3. sempre sullo sfondo si potrebbero mettere alcune piante a stelo e a crescita rapida, questo aiuta anche a tenere bassi i nitrati, quindi "pulita" l’acqua.
    Ad esempio spostando la Bocopa sullo sfondo (mi sembra sia una Bocapo la pianta a sinistra in primo piano).
  4. la radice a sinistra è in posizione troppo avanzata io la mettere più indietro
  5. se le piante che vedo attecchiscono e vivono bene…l’utilizzo dell’ossigenatore è assolutamente superfluo: movimento dell’acqua e respirazione delle piante sono sufficienti

4 Comments

  1. Ciao da Rossano,si è un monodactylus vive in acqua salmastra ma vive anche in acqua dolce,a parte che io ho messo 2 cucchiai da cucina di sale grosso nella vasca prima di introderre i pesci. Le piante stanno crescendo bene direi e i pesci mi accontento,vorrei però provare a metteri 20 l di acqua osmosi al prossimo rabbocco cosa ne pensi ?

    Post a Reply
  2. Ehm…Rossano, credo tu stia facendo un po’ di confusione.
    Prima di tutto, hai un libro completo sugli acquari d’acqua dolce? Un libro che parli della tecnica, della teoria, di un minimo di chimica e quindi anche delle possibili “tipologie” di acquario. Senza scendere al livello di biotopo, credo sia comprensibile che devi prima decidere che tipo di acquario vuoi, e poi adatti acqua, pesci, piante e accessori in funzione di questo. Pesci di acqua salmastra per star bene devono stare con pesci con le stesse esigenze. Metterli con i NEON non ha senso, è sbagliato, farai star male entrambi…saresti contento se vivessero solo 6 mesi invece dei possibile 2, 3 o 4 anni???

    Non ha senso mettere ocqua d’osmosi e poi 2 cucchiaini di sale…che valori vuoi che abbia il tuo acquario? Vuoi acqua acida? Allora non può essere “salata” e sappi anche che per le piante il sale non crea valori congeniali per la maggior parte delle specie.

    Insomma pensa bene a ciò che vuoi e, se proprio non sai cosa scegliere, prendi l’acquario di qualcuno conosciuto sul web e “copialo”, raggiungi gli stessi valori e potrai mettere gli stessi pesci. Ma se impari è meglio…soprattutto per evitare delusioni, errori, problemi, stress. L’acquario deve essere un piacere, ma devi prima conoscere un po’ di teoria, un minimo, ma è necessaria per non uccidere organismi viventi, pesci e piante.

    Post a Reply
  3. Di libri ce ne sono tanti, se vai in un negozio di acquari ne troverai qualcuno, mentre online a centinaia!
    Io ne ho alcuni ma non te li consiglio perchè risalgono ai miei “primordi” dell’acquarioiflia, quindi 11-12 anni fa.
    Guardando nella libreria neogea.it, come libro “tutto in uno” potresti prendere questo:
    http://www.neogea.it/catalog/product_info.php?cPath=21_35_56&products_id=1898

    Per approfondire un po’ i pesci tropicali d’acqua dolce, potresti prendere quest’altro: http://www.neogea.it/catalog/product_info.php?cPath=21_35_56&products_id=2074

    Post a Reply

Trackbacks/Pingbacks

  1. Co2 in acquario, ma senza bombola? - [...] Rossano mi scrive: “ciao sono abbastanza soddisfatto del mio acquario, i pesci stanno bene e si riproducono,…

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code