Refugium per le alghe superiori: in SUMP o in acquario?

Come inserire una zona refugium nel mio nuovo acquario marino tropicale?
Meglio crearla nella SUMP o all’interno dell’acquario principale?
Parliamone…

L’acquario sotto l’acquario, chiamato sump per comodità fungendo da “pozzetto”, è grande quasi quanto l’acquario “visibile”, solo un po’ più basso, ed è divisa in 2 parti

  1. vasca di rabbocco (circa 30 litri)
  2. vano rimanente (circa 2/3 dello spazio)  diviso al centro da una paratia alta 3/4 dell’altezza, in modo che ad esempio si possa far andare l’acqua in caduta dall’acquario in un vano, e da questo l’acqua arrivi in quello accanto con la pompa di ricircolo che la riporterà nell’acquario in alto

Come aggiungere e dove aggiungere uno spazio separato dove far crescere piccoli animaletti, crostacei e soprattutto le utilissime alghe superiori, come Caulerpa, Chaetomorpha e altre?

  1. vaschetta più alta del livello dell’acqua, inserita nello spazio centrale della sump, dove c’è la pompa di risalita: da una derivazione nel tubo di mandata che parte dalla pompa di ricircolo si gestisce un flusso di acqua che finisce dentro il refugium e da questo l’acqua ritorna per caduta nel vano dov’è appoggiata . ESEMPIO1 , ESEMPIO 2.
    Questa soluzione credo proprio che faccia rumore, a meno di non usare tubi e sifoni vari per attutirlo. Qualcosa di simile a quello che avevo realizzato per il mio precedente acquario marino, smantellato nel 2007, dove ho avvicinato una vaschetta alla sump sotto l’acquario: refugium per acquario marino.
  2. creando un vano separato dove mettere la pompa di mandata, al quale l’acqua arrivi tramite una paratia non troppo alta. Lo svantaggio credo si trovi nella possibilità che delle alghe possano finire nella pompa, fino al pericolo estremo di otturarla! Si può ovviare estendendo la paratia con una retina, dove possa passare l’acqua e piccoli animali trattenendo le alghe più grandi.

Altra possibilità è realizzarne uno di piccolissime dimensioni attaccato a una parete dell’acquario principale, creando un piccolo acquario nell’acquario. E’ veramente una soluzione poco vista in generale perchè rovina in parte l’estetica dell’acquario, togliendo nello stesso tempo spazio al nuoto dei pesci. Si tratterebbe di realizzare una specie di gabbia con ad esempio un box di plexiglass forato, agganciato a una parete della vasca. Meglio poi se una piccola pompa al suo esterno ne aiuta la circolazione interna e con l’acquario tutto, favorendo la caduta nell’acquario dei piccoli organismi che ci vivono all’interno. Il vantaggio di questa soluzione, infatti, è proprio nella maggiore possibilità che dei piccoli animali possano finire giù senza invece essere forse triturati dalla girante della pompa di risalita.

Nel primo caso potrebbe essere più grande, ma funzionare quasi esclusivamente come “algario” (ad esempio con la Chaetomorpha), nel secondo invece avrebbe il vantaggio di poter fornire cibo vivo agli abitanti della vasca principale…

Al momento, visto che stò ancora aspettando la vasca 80x55x55 che il vetrai sta incollando, la soluzione scelta è la N.2, devo solo ritagliare a misura un pezzo di PVC, attaccare in alto un pezzo di retina in plastica e siliconarlo in uno dei 2 vani della SUMP.

Trackbacks/Pingbacks

  1. Nuovo acquario marino tropicale “Easy LPS oriented” - [...] eliminazione periodica avverrà attraverso i cambi dell’acqua e le alghe nel piccolo refugium nella sump. Sicuramente già so che…
  2. Acquario marino tropicale 80×55×55 “Easy LPS oriented” - [...] (vasca tecnica) con 3 vani con 1 -  schiumatoio monopompa Bubble Magus BM 100 2 – refugium con Hydor…

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code