Caridine Red Cherry in un vaso IKEA?

caridinaio in un vaso Ikea?Si possono tenere delle piccole Caridine Red Cherry, i simpatici e “minimi” gamberetti d’acqua dolce dai tipici puntini rossi, in un vaso dell’IKEA in vetro da soli 2 litri, senza riscaldamento ne filtro meccanico o biologico?
La risposta è SI, ed ecco le immagini del mio piccolo gioiellino in salotto. 🙂
Le red Cherry (chiamate anche Red Fire) sono caridine quasi trasparenti, ma con molti puntini rossi… e più sono questi puntini, quindi più son rosse, e più costano… fino alle SAKURA, che sono quasi interamente rosse, ma mai di quel rosso pieno tipico delle Crystal Red)

E’ solo un primo esperimento, quindi non ho badato troppo all’arredamento e ho messo nel vasetto di vetro dell’Ikea un po’ di sabbia, una manciata di Flourite presa da uno degli acquari da 40 litri, una piccola radice che entrava proprio di misura. Su questa ho appaggiata un po’ di muschio di JAVA (Java Moss) e in un buchetto ho infilato un’Anubias nana (piantina a crescita lenta e dalle esigenze limitate). Come grosso aiuto alla filtrazione ho aggiunto una piantina galleggiante da sempre nei miei acquari, una specie di amica ormai, la Lemna Minor.
Questi vasi dell’IKEA costano sicuramente meno di 5 euro e di cui non ricordo proprio il nome, mi sembra non sia attualmente più in vendita, è praticamente simile a un VASEN, però al contrario. 🙂

Gamberetti red cherry in un acquario di soli 2 litriQuesto piccolo acquario di soli 2 litri netti che ospita 3 piccoli gamberetti da oltre 1 mese (anche se di acquario ha pochissimo in effetti) è illuminato da una plafoniera con neon PL da 11 watt e non ha riscaldatore, per cui la temperatura oscilla dai 22 ai 19 gradi della notte. Non ha neanche filtrazione, che è affidata alle piante.
La manutenzione
consiste in un cambio settimanale del 50% dell’acqua, con quella dell’acquario da 180 litri, rabbocco SOLO con acqua d’osmosi 1 o 2 volte a settimana e somministrazione di un singolo granello di cibo al giorno per ogni gamberetto (quindi al momento 3 granelli).

Dopo un mese posso dire che la principale preoccupazione era la temperatura, ma vedo che le Red Cherry sono in forma, girano tranquille e mangiano con gusto. Alghe al momento non se ne vedono e quindi tutto scorre. L’esperimento aveva lo scopo provare condizioni per replicare questo nano-acquario d’acqua dolce in ufficio… ma con i primi freddi mi son reso conto che tutte le vetrate fanno scendere troppo la temperatura di notte, quindi senza riscaldatore non sarebbe possibile…e quindi è necessario anche un acquario dalle dimensione un po’ maggiori… e qui torniamo ai nano-acquari Wave e Dennerle dell’articolo di qualche giorno fa.

18 Comments

  1. Bello il tuo articolo,credo che proverò anchio il tuo esperimento…

    Post a Reply
    • Admin

      sappi però che dopo 2 mesi le red cherry sono morte, esattamente 2 giorni dopo l’introduzione di 2 pezzi di legno con sopra dei muschi in decomposizione.
      Speravo che si riprendessero e non sporcassero, invece evidentemente il carico organigo in 2 litri ha fatto danni.
      Insomma credo ancora si possano tenere le red cherry in poca acqua e senza accessori e solo piantine, però bisogna stare molto attenti e ridurre al minimo le aggiunte dall’esterno, quindi niente fertilizzante, poco cibo, attenzione a spruzzare lì intorno prodotti chimici per la pulizia dei mobili…

      Post a Reply
  2. Ciao volevo sapere la temperatura minima che raggiunge l’acqua o la stanza in cui si trova. Vorrei provare anch’io ma a casa mia capita spesso che d’inverno faccianno 16-18° di giorno. Vivrebbero le caridine? Comunqe ottimo lavoro…

    Post a Reply
    • Admin

      16 credo sia poco… da me in salotto non scende MAI sotto i 18°. Le mie sono morte dopo 2 mesi, ma NON credo infatti per la temperatura quanto perchè i litri erano proprio pochi e ho inserito stupidamente del muschio in evidente stato di decomposizione.
      In 2 litri non ti ci deve essere neanche un minimo di inquinamento.

      Post a Reply
  3. Dopo quanto hai inserito i gamberetti???

    Post a Reply
    • Admin

      non ricordo proprio… credo qualche giorno, non più di una settimana

      Post a Reply
  4. anche io sto facendo una cosa simile alla tua ma!! sarà un 6 litri!! credi che 10 ce ne vanno?? perchè ho trovato un’offerta ma meno di dieci non ne posso ordinare!!! ah un’altra cosa m ail cambio del 50% dell’acqua come lo facevi??

    Post a Reply
  5. anche io sto facendo una cosa simile alla tua ma!! sarà un 6 litri!! credi che 10 ce ne vanno?? perchè ho trovato un’offerta ma meno di dieci non ne posso ordinare!!! ah un’altra cosa m ail cambio del 50% dell’acqua come lo facevi??

    Post a Reply
    • Admin

      Se sono red cherry son piccolini, puoi anche mettercene 10 secondo me, o a limite ne metti solo 6 e 4 li ri-vendi 🙂
      Il cambio lo facevo… come al solito, perchè? Togli l’acqua vecchia e metti la nuova… nel mio caso con un bicchierino e non con un tubo

      Post a Reply
  6. e mi sa che faccio col tubo che col bicchierino riesco male!! comunque anche a te l’acqua si ingialliva un pò?? sarà la cavolo di radice?? l’ho fatta bollire 2 volte ma mi sa che ancora perde un pò!!!

    Post a Reply
    • Admin

      eh si, i legni rilasciano sempre acidi umici che colorano l’acqua, e meno litri ci sono… più si colora! Però è piacevole, naturale, se rimane chiara e non fa male a livello chimico

      Post a Reply
  7. LE RED CHERRY STANNO ANKE A 10° RAGAZZI, E TI SONO MORTE ANKE A CAUSA DEL OSSIGENAZIONE, PROVA A METTERE UNA POMPA QUELLE DELL ARIA (VA ACCESA SOLO DI GIORNO VOLENDO). I LITRI NON CONTANO MOLTO (ANKE SE IO CALCOLO 1,5 X UNA), PIU CHE ALTRO LA PROVENIENZA DI QUELLO CHE HAI MESSO E SE è STATO PULITO O FATTO BOLLIRE(PER SPURGARE) NEL CASO FOSSE UNA RADICE.
    TENENDO CONTO CHE SI PARLA SEMPRE DI CARIDINE, NON è IDEALE METTERCI L’ACQUA DEL 180 LT.
    CONSIGLIO QUINDI DI FARE CAMBI DELL ACQUA CON ACQUA DEL RUBINETTO LASCIATA 24 O 32 ORE IN UN BIDONE, PER POI INTRODURLA TRANQUILLAMENTE(IN MODO DA NORMALIZZARE I VALORI).
    NEL CASO VOGLIATE ESSERE PIU SICURI, TRATTATE L’ACQUA CON IL PRODOTTO APPOSITO, ANKE SE PER DUE LITRI è SPRECATO.

    SALUTI.

    Post a Reply
  8. ciao! è molto suggestivo il tuo esperimento
    io ho un vaso da circa 9l, con un po’ di terriccio sul fondo ho messo una anubias e a galla un giacinto d’acqua (eichornia crassipes). Pensi che potrebbe andar bene, senza ulteriori aggiunte, mettere 4-5 red cherry?
    inoltre, vorrei chiederti se c’è qualche rischio di “evasione”, soprattutto considerando che il vaso è sul tavolo della sala da pranzo 😛 potrebbero arrampicarsi sulle lunghe radici della eichornia e far capolino fuori? dici che è il caso che magari tengo l’acqua qualche cm sotto il bordo per evitare salti?

    Post a Reply
    • Admin

      Eh si, non portare l’acqua a livello, non c’è bisogno. Pensa all’ossigenazione, perchè la sola Anubias non basta. Se riesci come scrive Tommy a tenere un piccolo areatore acceso qualche ora al giorno, anche solo quando non ci sei e non lo senti, è molto meglio!

      Post a Reply
  9. Ho assistito a un esperimento simile,ma con meno acqua e + caridine, come piante una cladophora e un altra tipo alga che ramifica (molto fine, lo stelo e’ tipo 4.5 capelli messi vicini,e le foglioline nn son grosse nemmeno un millimetro l’una e ono tantissime), la prova e’ iniziata a giugno con 3 red fire, una e’ morta dopo l’estate (ma era sempre pallida fin dall’acquisto, la mattina era rosa e poi si coloriva,mentre le altre eran sempre rosse,quindi probabile che nn stesse bene), un’altra e’ sparita un mese fa (non l’ho + trovata ne dentro l’acquario ne li attorno), ora ce ne sono 3 piccole a strisce rosse e bianche(10 euro l’una) e l’ultima red fire…..cambio di acqua ogni 2-3 settimane direttamente sotto il rubinetto, niente cibo (mangiano le alghe che si formano sul vetro in basso e a pelo acqua), mute regolari……la persona che sta conducendo la prova ha provato anche a nn cambiare acqua per 1 mese,rabboccando e basta,e nessun problem,probabilmente merito della cladophora che elimina nitriti e nitrati.

    ciao

    Post a Reply
  10. Ho assistito a un esperimento simile,ma con meno acqua e + caridine, come piante una cladophora e un altra tipo alga che ramifica (molto fine, lo stelo e’ tipo 4.5 capelli messi vicini,e le foglioline nn son grosse nemmeno un millimetro l’una e ono tantissime), la prova e’ iniziata a giugno con 3 red fire, una e’ morta dopo l’estate (ma era sempre pallida fin dall’acquisto, la mattina era rosa e poi si coloriva,mentre le altre eran sempre rosse,quindi probabile che nn stesse bene), un’altra e’ sparita un mese fa (non l’ho + trovata ne dentro l’acquario ne li attorno), ora ce ne sono 3 piccole a strisce rosse e bianche(10 euro l’una) e l’ultima red fire…..cambio di acqua ogni 2-3 settimane direttamente sotto il rubinetto, niente cibo (mangiano le alghe che si formano sul vetro in basso e a pelo acqua), mute regolari……la persona che sta conducendo la prova ha provato anche a nn cambiare acqua per 1 mese,rabboccando e basta,e nessun problem,probabilmente merito della cladophora che elimina nitriti e nitrati.

    ciao

    Post a Reply
    • Admin

      Interessante… riproverò magari con le Red Crystal che riuscirò a riprodurre nel cubetto che ho appena allestito in salotto. 🙂

      Post a Reply

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *